STARE BENE A PRIMAVERA CON LA GIUSTA ALIMENTAZIONE

La nostra nutrizionista di fiducia, Dott.ssa Rosa Giovanna Pinizzotto, sarà presente mercoledì 20/04/2016 nella nostra sede del palariccia dalle 16.30 alle 20.00; gli interessati ad un colloquio indivduale possono prendere appuntamento in segreteria!!

Impegnatissima con un master universitario, la Dott.ssa Pinizzotto ha formulato per noi alcuni suggerimenti alimentari per la Primavera.

photo credit www.leitv.it

photo credit www.leitv.it

“Ogni stagione di mezzo porta con sé piccoli disturbi che possono essere contrastati mangiando in modo sano ed equilibrato

La primavera, come ogni stagione di mezzo che si rispetti, incrementa alcuni disturbi e solo l’assunzione dei cibi giusti può combattere i fastidi stagionali.

Reflusso gastroesofageo, pesantezza digestiva e acidità rallentano la digestione e spesso rendono impossibile alimentarsi in modo corretto.

Per questo potrebbe essere utile iniziare il pasto con la verdura cruda, rigorosamente di stagione. Il rispetto della stagionalità è infatti un aspetto molto importante. Gli asparagi, il radicchio, i carciofi e le erbe amare, che possiamo trovare a primavera, sono un rimedio per la digestione e un toccasana per il fegato. Quest’organo adempie alla funzione di filtro, quindi detossifica e ripulisce l’organismo. Preservarlo e aiutarlo nella sua attività è molto importante!

Le centrifughe di frutta di stagione con l’aggiunta dello zenzero sono un valido aiuto per ripulire l’organismo, limitare i sintomi delle allergie stagionali e spezzare la giornata, evitando di appesantirsi con snack troppo dolci e poco sani.

photo credit www.nonsprecare.it

photo credit www.nonsprecare.it

Per i problemi di asma e allergia sarebbe opportuno limitare i latticini, ma mantenendo lo yogurt che, con i suoi fermenti lattici, custodisce la flora batterica intestinale che ci aiuta non solo a digerire, ma anche a rafforzare il sistema immunitario.

La giornata deve sempre essere scandita dai 5 pasti principali: colazione, pranzo, cena e due spuntini.

A colazione è opportuno scegliere una spremuta d’arancia o di pompelmo o un tè verde accompagnato da una manciata di frutta secca, due noci o 4 mandorle, e due fette biscottate con un velo di marmellata al mirtillo.

A metà mattina e a metà pomeriggio prediligiamo un frutto o una centrifuga oppure uno yogurt.

A pranzo basta una sola portata: un primo a base di pasta o riso con le verdure o con i legumi, ad esempio riso e piselli o riso e lenticchie oppure pasta con radicchio o risotto agli asparagi. Alternative valide alla pasta o al riso sono: il farro, il cous cous e  l’orzo.

A cena via libera alle proteine: carne bianca o pesce bianco da preferire a carne rossa e pesce azzurro, formaggi magri e uova con limitazione. Le verdure invece possono essere assunte a volontà e combinate tra loro, sempre avendo cura di rispettare i condimenti: due o tre cucchiai di olio extravergine d’oliva al giorno.

Tisane al carciofo possono chiudere il pasto e aiutare la digestione, arricchite da un cucchiaino di miele e un pizzico di zenzero.

A chiudere il cerchio delle abitudini alimentari sane ed equilibrate, non dimentichiamo l’attività fisica all’aria aperta: una passeggiata immersi nella natura alimenterà il nostro buonumore e arricchirà la nostra salute.”

Dott.ssa Rosa Giovanna Pinizzotto

Dr.ssa Rosa Giovanna Pinizzotto

Laurea Triennale in Scienze Biologiche - Laurea Magistrale in Biologia Umana – Master in Nutrizione e Dietetica