QUALE FUTURO PER LA SCIABOLA?

convegno-sciabola-torino-giugno-2015

Vi diamo notizia di un interessante convegno sul FUTURO DELLA SCIABOLA svoltosi a Torino, in occasione dei Campionati Italiani Assoluti; seguito ideale degli “Stati Generali della Sciabola”, importante momento di riflessione fra Maestri, CT, Consiglieri e Presidente FIS organizzata lo scorso marzo ad Ariccia.

Minimo comune denominatore LA SCIABOLA e tutte le problematiche oramai accertate e rilevate durante quest’ultimo anno, da parte dei rappresentanti delle più importanti Società in Italia. 

Autorevoli voci del panorama schermistico italiano (tecnico e dirigenziale) hanno prodotto eterogenei interventi, accomunati dalla volontà di manifestare un senso di malessere e trovare nuove soluzioni:

Dott. Mario Vecchione, Presidente del Club Scherma Torino – Le società, i loro atleti dalla formazione alle nazionali, la tutela ed il potenziamento del vivaio. La riduzione delle gare, simulazione ragionataIntervento-parte 1 - parte 2

Pasquale La Ragione, Presidente Accademia Nazionale di Scherma – Il ruolo del Maestro dalla messa in guardia del piccolo atleta al campione di elevato livello internazionale. Figura centrale e di riferimento per l’atleta e di prestigio per la Federazione.

Un’analisi precisa sugli spostamenti degli atleti, partendo dall’esperienza personale di atleta trasferito.

M° Alberto Coltorti, Club Scherma Napoli - L’arbitraggio Parte 1 Parte 2 Parte 3 Parte 4 Parte 5

Marcello Scisciolo, Vicepresidente Virtus Scherma Bologna -Il Giudice di gara nella scherma: formazione, sviluppo, gestione.

Interventi di:

Renato Buratti, Consigliere Federale

Mario Castrucci, Presidente S.S. Lazio Scherma Ariccia – Quale futuro per gli sciabolatori U20 e i loro Maestri?

Varotto, Rappresentante del Petrarca Scherma Padova

Il Convegno ha prodotto una serie di atti e raccolto contributi di voci autorevoli:

Il M° Enrico Di Ciolo ha inviato un contributo con una disamina puntuale sulla situazione dei Maestri “che formano atleti” e con una serie di considerazioni finali davvero interessanti sulla formazione degli atleti, sulla loro migrazione in altre Società e l’inopportunità di concentrare la sciabola, favorendone l’inaridimento della vena tecnica e la demotivazione dei Maestri che creano gli atleti. intervento M° DI CIOLO

Il testo del M° Giovanni Rapisardi, Presidente dell’Accademia d’Armi Internazionale su arbitraggio e applicazione del Regolamento.Intervento M° RAPISARDI PARTE 2PARTE 3 PARTE 4

L’articolo di Ezio Rinaldi dal titolo SCIABOLA: che mal di pancia pubblicato sul blog “Piazza Scherma”. http://piazzadellascherma.blogspot.it/2015/03/sciabola-che-mal-di-pancia.html

Una serie di atti (mail e interventi) provenienti dall’incontro del marzo 2015 ad Ariccia, fra questi il notevole testo dell’Avv. Vecchione sul fallimento del progetto 3R, i bassi numeri nella sciabola e la concentrazione di atleti presso il CSRoma. Intervento Vecchione ad Ariccia parte 1 - parte 2 * Lettera aperta parte 1 - parte 2 - parte 3

Invitati, ma purtroppo assenti, il Presidente della F.I.S. Giorgio Scarso e il C.T. della sciabola Giovanni Sirovich.

Paolo Azzi, Vice Presidente della Federazione Italiana Scherma, ha chiuso l’incontro, a lui non sono state richieste conclusioni ma una presa d’atto delle considerazioni, dei suggerimenti e delle proposte formulate nell’interesse della sciabola e per il suo futuro.